Vincolo o Risorsa?

Il gioco d’azzardo: vincolo o risorsa?

E’ difficile stabilire una demarcazione tra giocatore sociale e patologico, per questo ci dobbiamo affidare a degli indicatori che stabiliscono la patologicità o meno.

Le stesse distorsioni cognitive sono una fonte diagnostica, così come la compulsività.

Nella nostra società è soprattutto in pericolo la fascia dei giovani, che si lasciano coinvolgere in maniera particolarmente intensa: il giocatore sociale si configura come una sorta di “identità vagante”, che vede nella scommessa un’occasione per dare un significato diverso alla propria vita e connotati diversi alla sua identità.

Finchè ci si ferma all’immaginazione, ci troviamo di fronte ad un normale bisogno di evasione dalla quotidianità.

La nostra cultura non promuove le valenze positive del gioco; la morale stabilisce che il denaro guadagnato senza fatica è peccaminoso (le Borse allora non dovrebbero esistere!!!). Incombe l’ombra del giocatore peccaminoso ed allora risulta più tranquillizzante fare di ogni erba un fascio.