Il benessere delle persone è la prima missione di cui ci facciamo carico. Animati da questo intento, noi dell’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo, avvalendoci di psicoterapeuti attenti e competenti, che hanno maturato in molti anni e direttamente sul campo l’expertise nel trattamento delle patologie internet correlate, affrontiamo il disagio psicologico e sociale a cui queste conducono sempre più di frequente. Il nostro obiettivo, quindi, non è demonizzare gli strumenti tecnologi, o internet, tutt’altro. Siamo ben consapevoli che la tecnologia, i social network, gli smartphone, i tablet e la rete hanno un ruolo di primo piano nella quotidianità di tanti, a qualsiasi età. Ma siamo altrettanto consapevoli dell’importanza dell’intervento terapeutico quando l’uso eccessivo o inappropriato di questi mezzi diventa un limite per l’individuo e per le sue relazioni famigliari, sentimentali, lavorative o scolastiche. Crediamo, inoltre, che le attività di formazione e la divulgazione dei pericoli e delle trappole in cui la rete può far cadere già a partire dall’età scolare sia uno strumento importante da dare alle nuove generazioni nonché un supporto ai genitori. Per aiutarli a conoscere, arginare, e difendersi dal fenomeno con più cognizione di causa.

La preoccupazione dei genitori in vista del ritorno a scuola? Il bullismo

Il bullismo è lo spauracchio del terzo millennio, ne parla il Presidente dell’Associazione Prof. Giuseppe Lavenia nell’articolo di Fabio di Todaro ne La Stampa di questo mese. Secondo una ricerca condotta dagli [...]

Viversani e Belli interviene Lavenia su l’Amore ai tempi dei social.

Amore Social: ne parla il Presidente dell’Associazione Prof. Giuseppe Lavenia sulla rivista “Viversani e Belli” di questa settimana in un articolo scritto da Antonella de Minico. Nella società moderna e [...]

In vacanza: bambini, smartphone e tablet

A risollevare l’ampio tema dei bambini sempre più incollati ai device – anche sotto l’ombrellone – è il presidente dell’Associazione italiana dipendenze tecnologiche, GAP e Cyberbullismo Giuseppe Lavenia: “Perché così facendo non staccano [...]