Siamo anche su

La nostra mission

Il benessere delle persone è la prima missione di cui ci facciamo carico. Animati da questo intento, noi dell’Associazione Nazionale Dipendenze Tecnologiche, GAP e Cyberbullismo, avvalendoci di psicoterapeuti attenti e competenti, che hanno maturato in molti anni e direttamente sul campo l’expertise nel trattamento delle patologie internet correlate, affrontiamo il disagio psicologico e sociale a cui queste conducono sempre più di frequente. Il nostro obiettivo, quindi, non è demonizzare gli strumenti tecnologi, o internet, tutt’altro. Siamo ben consapevoli che la tecnologia, i social network, gli smartphone, i tablet e la rete hanno un ruolo di primo piano nella quotidianità di tanti, a qualsiasi età. Ma siamo altrettanto consapevoli dell’importanza dell’intervento terapeutico quando l’uso eccessivo o inappropriato di questi mezzi diventa un limite per l’individuo e per le sue relazioni famigliari, sentimentali, lavorative o scolastiche. Crediamo, inoltre, che le attività di formazione e la divulgazione dei pericoli e delle trappole in cui la rete può far cadere già a partire dall’età scolare sia uno strumento importante da dare alle nuove generazioni nonché un supporto ai genitori. Per aiutarli a conoscere, arginare, e difendersi dal fenomeno con più cognizione di causa.

La sindrome del pesce rosso

Alzare e abbassare la testa dallo schermo dello #smartphone. Un’azione apparentemente rapida ma che in realtà ci porta via circa mezza giornata a settimana. Quotidianamente siamo bombardati da una enorme [...]

Il pazzo mondo dei follower

Anziché sfogliare un quotidiano o un libro davanti a un caffè, molti scrollano lo schermo dello smartphone in cerca di news e di buoni consigli. Ma a chi si rivolgono [...]

Giuseppe Lavenia – Buongiorno InBlu – 29/05/2019

Iperconnessione e dipendenza da selfie. Ne ha parlato Giuseppe Lavenia, Presidente Di.Te., ai microfoni di #radioinblu. Ma cosa spinge le persone a vivere le tragedie attraverso gli smartphone? Ormai non [...]

7/6/2019 – Ansia e Panico come muoversi nell’era digitale